Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Muscarine or Erica’s Trip

Questo illusorio titolo nasce col malcelato intento di entrare nel Guinness dei primati nella categoria «avventure punta e clicca più fuori di capoccia di sempre». Sarà riuscito il prode Rainer Appel, che ne è il sostanziale creatore, il cantore oserei… Continua a leggere →

Francis Scott Fitzgerald – Il grande Gatsby

Se ci pensate, la vita di uno scrittore (di quelli veri, che poi finiscono per essere studiati, diciamo, non l’amico vostro che ha scritto un libro e si bulla perché è duecentoquarantanovesimo in classifica su Amazon nella speciale categoria «romanzi… Continua a leggere →

Aliceversa – Ore disturbate

È il disco col quale mi sono trastullato peccaminosamente (perché fa parte di quegli “underdog” sui quali, per qualche strano motivo, mi accanisco con fare irragionevole, mentre gli altri ascoltano per tempo le uscite chiacchierate che si devono ascoltare, e… Continua a leggere →

Blast Zone! Tournament

Blast Zone! Tournament sarebbe il seguito di chissà quale altro clone di Bomberman precedente, o comunque parte di una serie. Un tizio su YouTube è riuscito, non so come, a farci un video di quasi un’ora e mezza. Durante la… Continua a leggere →

Lazy Jones (Kernkraft 400 e contese legali incluse)

Lazy Jones arrivo a capirlo, a coglierlo in alcuni, decisivi aspetti solo oggi. No, non è tanto il fatto del “metavideogame” (Bill Scolding di Sinclair User era preoccupato che la Terminal Software, spinta dall’eventuale successo del titolo, potesse lanciare un… Continua a leggere →

La fantastica signora Maisel (prime tre stagioni)

La fantastica signora Maisel sarebbe probabilmente la migliore serie televisiva di sempre (vabbè, più o meno) se le serie televisive durassero soltanto un episodio. Visto che non è così, succede quello che era prevedibile succedesse, dato che l’autrice è la… Continua a leggere →

Anthony – Pools of Sorrow, Waves of Joy

Come si sarà intuito, non sono una persona dai gusti e dai percorsi proprio lineari. Motivo per il quale la discografia di Lucassen (Ayeron, i tantissimi album nei quali invita a suonare pure mio nonno, e quello immancabilmente accetta, ecc.)… Continua a leggere →

MinuteQuest

Questo non sarà probabilmente un pezzo del quale andrò orgoglioso orgoglioso, e neanche un pezzo molto argomentato argomentato, e nemmeno un pezzo. Ma va fatto. Per una questione, diciamo, di igiene. Di decoro istituzionale. MinuteQuest è fondamentalmente un idle RPG… Continua a leggere →

Lazer Wheel

Qui il discorso è in parte simile a quello dell’appena maltrattato Star Soldier. Il “recupero” da parte mia si deve non proprio a un’ossessione insensata legata agli strani modi di operare del cervello umano. Ma più al richiamo della foresta… Continua a leggere →

Topolino (libretto) numero tre

Prima copertina con Paperino (qui in versione particolarmente compressa, paperinesca e preoccupata, e con una canna da pesca in mano, il retro offre uno spaccato inquietante), prima dedicata ai paperi in generale. La vicenda di Eta Beta (in realtà come… Continua a leggere →

Topolino (libretto) numero due

Un Pippo in goffa posa sportiva, munito di alloro da Giochi pitici e mutandoni decorati, ci introduce al secondo, storico numero (ma è la ristampa allegata al Corriere della Sera, magari esistono rare e fondamentali edizioni alternative nelle quali lo… Continua a leggere →

Topolino (libretto) numero uno

Su uno sfondo rosso bucaretina, un Topolino tarchiatello e circense dall’espressione vagamente stolida addobbato come un albero di Natale dà avvio – in maniera, diciamocelo, non troppo entusiasmante, per la cronaca è la versione ricalcata e modificata di un disegno… Continua a leggere →

Star Soldier (C64)

Non so se anche voi avete nella testa voci che vi ordinano cose. Le mie sono anni che continuano, chissà perché, a ripetermi, infaticabilmente: «Quando ti metterai sul serio a parlare dei vecchi giochini, con piglio sistematico, devi cominciare da… Continua a leggere →

The Man in the High Castle

Una serata qualsiasi di un po’ di mesi fa. Mah, vediamo un po’ cosa potrei iniziare a guardare di bello… Certo che ormai si sono fatti prendere la mano co’ ‘ste serie TV, o campi o ci stai appresso, c’è… Continua a leggere →

Partiti politici, comunicazione social e (ab)uso dei meme: il caso di +Europa e di Salvini che citofona

Premesso che giudico a dir poco turpe, indecente e “democraticamente al limite” l’episodio che ha originato tutto ciò, così come il codazzo sghignazzante dei giornalisti al seguito [1]. Il meme di +Europa oggetto di questo post è solo un episodio,… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑