Ueno è un giovane imbianchino giapponese alla moda dotato d’inesauribile immaginazione, di una certa tecnica, nonché di un alito refrigerante (senza dimenticare il conto in banca, che si espande sempre più). Qualcuno, posto di fronte alle sue spiazzanti opere, ha sentito l’esigenza (non si sa bene perché) di ululare senza mezzi termini al jap-pop. In ogni caso, lo Yosuke ripropone e attualizza elementi della tradizione nipponica a tratti quasi mcdonaldizzati (ma non troppo), resi in un’originale e giocosa maniera che sarebbe particolarmente apprezzata dai surrealisti d’oltreoceano meno snelli. Le sue opere, insomma, sono generalmente popolate da personaggi di manga poco atletici e infelici, da elementi onirici naturali accuratamente selezionati e da balzani elefanti, ai quali è solito perfino intitolare i suoi orifizi, le sue mostre.