Categoria Altro

In morte di un utente storico

È successo. Ciao Pasta. Povero Pasta. Non ci siamo mai cacati granché in questa vita, per la verità, forse per questo non ci siamo neanche mai flammati, almeno che io ricordi, almeno non con questi account. Non conosco la tua… Continua a leggere →

Hard dick

Hard disk new

L’uscita inevirabile d’una valanga di nuovi libri, dischi, cofanetti, serie tivù, spettacoli, videogiochi, fumetti, modelli di cellulari, articoli sportivi e non, prodotti per l’igiene anale, film vietati ai minori di diciotto anni, e da loro probabilmente interpretati, non ci dà tregua. La necessità di imparare a memoria i nomi di altri brillanti, sessualmente appetibili e generalmente cazzutissimi protagonisti dei nostri entusiasmanti pomeriggi piovosi passati (in sostanza) a monitorare le attività altrui in cerca di

Capita a voi ragazzi che dopo esservi masturbati

Islam moderato

alcune ore più tardi il pene nn è più durissimo e sembra di dimensioni minori?? Facebook sta diventando peggio, o più utile, fate voi, di Carramba che sorpresa e Stranamore messi assieme. È una torbida melassa dove si mischiano sentimenti, nostalgia, morbosità, narcisismo, presenzialismo. Il sapore, però, non è male. Se vuoi spingere alla riflessione e non sei nessuno devi spararle grosse. Ben vengano le sparate di chiunque se inducono al ragionamento anche rigettando il contenuto della provocazione. Ma

Naples 199? erranti

Vesuvio

al telefono è tardi
ingoiato da un treno
da rotaie ammazzato
impassibile scendo
già rimbalzo inadatto
dolciruvidi baci

proporzioni

Qui. Non succede mai nulla

Fichi d'India

A parte qualche ex vicino di casa che, per ignoti motivi, decide avventurosamente di perire, questa la massima novità alla quale si può aspirare per battere la noia mentre il sole spacca (giustamente) pietre destinate un giorno, chissà, ad abbeverarsi alle rosse acque che probabilmente dissetano i microorganismi marziani del piacer. Purtroppo questo paesone sospeso esattamente a metà tra apatica arretratezza (soprattutto mentale) e morbido benessere consumistico non ha nulla da raccontare, non più i vicoli infarciti di lentezza

?, desidero, non

Estate

Nonostante i progressi mirabolanti in campo scientifico e tecnologico, cose semplici come l’Amaro Montenegro e il rincorrersi dissennato delle stagioni (forse non ancora del tutto assassinate dai luoghi comuni) sembrano dare apparentemente un senso, talvolta, a moltissime esistenze inconsapevoli che girovagano per i blog (anche), depositando qualche fugace macchia espressionista di colore su passanti (ignari) e fedine (penali), però. Ora non voglio, sto bene così, la stagione per convenzione chiamata Inverno. E da individuo

Ottimizzatori inde-fessi vs Maruzzelle hyberstataliste

Lumachine

Gli individui che suscitano maggior stima e ammirazione — dopo gli artigiani e tutti quelli che hanno sviluppato enormi abilità manuali a me geneticamente precluse — sono probabilmente coloro che riescono a ottimizzare in maniera migliore, direi inumana il loro tempo. Non so, uno che a quindici anni è già campione del nonno di tuffi carpiati quintupli con avvitamento gengival-anale, o ha vinto tutto a scuola e prende voti altissimi anche nella vita. Mentre io a quell’età ancora dovevo capire che succedeva, in pratica se ero vivo

Blu puffo assoluto

Amo i listoni. Ho passato interi pomeriggi nella mia vita aggrappato al lampadario, penzolando/rimirando il blu purissimo, profondissimo del divano e l’oziosa eternità dell’iperspazio, ma soprattutto compilandone di inutili, sterminati, straordinari, disperati. Non importa se quegli elenchi avessero lo scopo di catalogare pittoreschi giocattoli, brani musicali, discinti calciatori, pelose veline, nomi di personaggi della Bibbia pescati tra i più improbabili e cacofonici, beni di prima necessità o peni di lusso che avrei comunque

Quasi invisibile

Sua madre era una rubizza e canuta signora, inesauribile, molto attenta alle altrui esigenze. Viveva in un alloggio minimo, separato. Aveva il suo mondo in basso e acquistava salumi nostrani, formaggiose forme e altre squisitezze che era solita stivare sopra o all’interno di un imponente e tenebroso megalite, principalmente allo scopo di regalare un sorriso ai commercianti truffaldini di passaggio. La sera amava radunarsi con le altre arzille vecchiette, attorno al braciere; si scambiavano piccoli doni

La chat

Mi ha sempre colpito nella sua brutalità. Si va subito al dunque. Hai foto? Da dv dgt? Come 6 fatta? Sublime. L’animale si libera da ogni costrizione, getta via con spensieratezza qualsivoglia rivestimento esterno approntato in secoli di storia, di… Continua a leggere →

Lazy afternoon

Sogno la casa oramai antica di una fidanzata psichedelica. Incorporeo e insonorizzato perquisisco, apro le stanze. Dotato di soli occhi, ritrovo il bagno, luminoso e incustodito. Frugo lo stipetto dei medicinali alla ricerca di forti emozioni, o più realisticamente di… Continua a leggere →

Ecco le cinque stranezze cinque, come da moda imperante

1) Simulo adrenaliniche partite immaginarie di calcio, calcetto, calciotto, calcio saponato, rollerball, sci nautico, volley con accoppiamenti, lancio di Giuliano Ferrara e altre attività agonistiche olimpioniche, tramite l’ausilio delle sole nude dita. Ora lo faccio più raramente. 2) Esamino famelicamente… Continua a leggere →

© 2021 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑