Categoria Arte e cultura

La banana di Cattelan. Sull’arte e la sua evoluzione

In questo specifico caso trovo poco interessante la performance (sì, dopo anni di carriera si è guadagnato la, yawn, possibilità di attaccare la, zzz, banana al muro, bravo). Sinceramente molte di queste cose mi sembrano microvariazioni prevedibili di provocazioni più… Continua a leggere →

Fuco's

Fuco Ueda

Ragazzine inspiegabili fatte con lo stampino. Indaffarate in attività apparentemente illogiche. Comunque prive di qualsiasi surreale utilità. O alle prese con pietanze che nemmeno Bear Grylls oserebbe assaggiare (anzi, sarebbe lui con tutta probabilità a venire fagocitato in eurovisione). Fanciulle in gabbia, sfinite, costrette. Umiliate, ferite gravemente, morte di noia. Si agitano in ambienti malsani, in ogni caso lontanissimi dall’igiene abbacinante dei nostri spot. Donnine minime, senza ali, sicure di sé ma

La legge sugli sconti dei libri, parliamone

Libri Televisione

Il libro non è un bene come un altro. Si tratta del veicolo culturale per eccellenza, più dei supporti ottici. Posso apprendere, chessò, la storia della letteratura o quella del cazzeggio nella Mesopotamia antica da un CD musicale o da un DVD/BD con su immortalato un film? Magari sì, ma è più complicato. Se in qualsivoglia liceo e università del mondo, nonostante tutto, gli strumenti principali di apprendimento restano degli insiemi di pagine stampate, numerate e aromatizzate rilegati in pratici volumi un motivo ci sarà. Il fatto che

Nick Sheehy

Showchicken

Il viaggio. L’offerta. I grandi uccelli percussionisti sperduti in boschi allegorici o che si riuniscono col chiaro proposito di dare vita a party massonici in apparenza malinconoiosissimi. La solitudine dei robot guardoni, improbabili e danzerecci, imponenti elettroaddomesticati tenuti insieme con lo sputo che non supererebbero mai e poi mai la prova del palloncino. L’alienazione fumettosa dei meccanici dalle grandi braccia e dagli attrezzi di lavoro esagerati che sembrano portare sulle

Marco Wagner

Marco Wagner è un visionario e un illustratore tedesco fissato in modo particolare con le favole. Preleva abusivamente paure, s’impadronisce di personaggi entrati nel subconscio collettivo per strizzarli e deformarli a piacimento, rendendoli ancora più improbabili e disadattati. Collocandoli (come… Continua a leggere →

Rotture

Monika Grzymala

Utilizzando il nastro adesivo è possibile effettuare importanti riparazioni elettriche o idrauliche nella vita di tutti i giorni. Cosa sarebbe la nostra esistenza senza questa prodigiosa e appiccicosa invenzione che ci accompagna silenziosamente da molti lustri? Il nastro adesivo sta lì e tuttosommato non ci chiede nulla: non bisogna rifocillarlo a intervalli regolari, né portarlo a spasso a decorare creativamente i marciapiedi delle nostre città o a fare shopping assassino (per la carta di credito e per le nostre coronarie).

© 2022 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑