Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Categoria

Politica, società, attualità, ecc.

Come vincere 209 milioni al SuperEnalotto

Non so quale ricerca (c’è sempre una ricerca su qualsiasi cosa) dice che ‘sti megavincitori manco realizzano di aver vinto che subito si mettono di buzzo buono a bruciare soldi col lanciafiamme preso da Amazon e dopo due anni sono… Continua a leggere →

Scalfarotto, Gozi e tafferugli nel piddì

Io me li vedo quelli del PD che si riuniscono in gran segreto. «Maledizione, stiamo crescendo nei sondaggi mentre il M5S cala e il governo appare sempre più diviso, la tattica di Zingaretti di fingersi morto incredibilmente sta funzionando. Così… Continua a leggere →

Candy Candy Forza Napoli, il social media manager dell’INPS, Luttazzi e altre refrigeranti avventure

Commento a questo status Facebook. Oltre alle trite dinamiche da social (reazioni al caso del giorno, controreazioni di segno opposto per farsi notare, controcontroreazioni e via sbadigliando), che ovviamente influiscono, conta il fatto che rossobruni, criptogrillini, intellettuali dolenti che sanno… Continua a leggere →

Il caso StanKanelli e le sempre più orripilanti dinamiche dei social (grete, piccoli ramy e simoni inside)

Riassumo brevemente la storia a beneficio dei tre che siano stati impegnati su Plutone negli ultimi giorni e non abbiano potuto studiare. La sinistra (riparta da) ha di recente eletto a suo nuovo idolo il regazzino di Torre Qualcosa che… Continua a leggere →

Sulla stupidità dei populisti. E su quella degli “antipopulisti”. (Aka: Innumeracy e l’elettore medio, messo decisamente peggio di come Silvio se lo rappresentava, versione 2,04 rimasticata)

Il 2,4 passato a 2,04, pronuncia da talk show per entrambi: «dueequattro», come per una sorta di magico charm pricing da ipermercato, tanto quelli che ci votano sono così gonzi da non accorgersi della differenza – nei fatti enorme, sostanziale… Continua a leggere →

L’otto dicembre, l’opprimente conformismo del web e altre molto poco incredibili storie

Con la presunta dipartita della televisione (che tutti dicevano di aver smesso di guardare ma che poi, uscita dalla porta, è tornata zitta zitta dalla finestra, vedi le twittercronache su X Factor, Chi l’ha visto? e qualsiasi cosa) uno si… Continua a leggere →

Politici che fanno le dirette su Facebook

(Commento abbandonato in un gruppo tra i più segreti). «Perché non capiscono che se non hai detto niente dopo un minuto e mezzo non hai detto niente?». Credo che l’idea fosse quella di fare i simpa e gli amiconi alla… Continua a leggere →

La cena zompata di Calenda

(Collage di commenti lasciati sui social). Trovo che Calenda col flop della cena si sia forse semidefinitivamente bruciato: già cambiava idea ogni due per tre (entro nel PD per cambiarlo, no, mi sono offeso, vado via, no, rientro, però se… Continua a leggere →

Il M5S è la nuova sinistra?

Per cercare di tenere il polso della situazione, resisto, con grandissima fatica, immerso in diverse bolle, con connotazioni opposte (le mezze stagioni, si sa, non esistono più). In quelle “di destra”, ormai informate allo Zeitgeist salviniano, mi devo sorbire sedicenti… Continua a leggere →

Mattarella, Savona, ecc. (versione 2.0, post-Apocalisse)

Nell’immagine, il nuovo (forse, diciamo che si sta perfezionando dalle parti di Palazzo Chigi) “premier” in aperto e irrefrenabile sfoggio pauperistico-massmediatico di onestà-ah pizzaiuola alla Dibba-Dima. Articolo scritto prima dei recenti, clamorosi, sviluppi e rielaborato qua e là. Ovviamente ritengo… Continua a leggere →

Riflessioni postprandiali su scenari postpostelettorali in rapida evoluzione, vuoti di offerta politica, ivezanicchi

Il frame che Di Maio sta evidentemente tentando di imporre è “Il prossimo voto sarà un ballottaggio tra la Lega e i Cinque Stelle” (concetto ribadito per esempio l’altro giorno da Vespa), lasciando intendere che il PD, e con esso… Continua a leggere →

Sull’attentato di Macerata (Renzi inside)

Pippone scritto in risposta alle solite menate degli indignati del web, non mi va di sbattermi per riadattarlo al contesto del blog e lo copincollo così com’è (i commenti altrui che lo precedevano sono facilmente ricostruibili con un po’ di… Continua a leggere →

L’economia (scaruffiana) del dono. Ovvero del come i robot che ci hanno rubato il lavoro se lo vedranno a loro volta ciulato da YouTube e Instagram

Nel corso di una discussione sui social qualcuno ha segnalato questa pagina di Scaruffi additandola a lettura più o meno definitiva del mondo del lavoro e dell’economia nella confusa realtà attuale. Mi è sembrato uno spunto sufficientemente interessante da provare… Continua a leggere →

Il Maestro, aka Domenico Bini

YouTube, croce e delizia: sono solito dirne cose turche, soprattutto con riferimento al pozzo nero senza fondo dei commenti (e vabbè, sul web è raro trovare oasi di decenza in questo senso) e relativamente agli infiniti video che fanno “mappazza”… Continua a leggere →

Sull’indipendentismo catalano (versione 2.0)

Mi rendo conto della potenza e della presa sulle menti dell’immagine della vecchina portata di peso che tanto sta riscuotendo successo in giro. Ma magari la (geo)politica non può limitarsi agli aspetti più emozionali. Il punto fondamentale per me è… Continua a leggere →

© 2019 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑