Categoria Politica, società, attualità, ecc.

Partiti politici, comunicazione social e (ab)uso dei meme: il caso di +Europa e di Salvini che citofona

Premesso che giudico a dir poco turpe, indecente e “democraticamente al limite” l’episodio che ha originato tutto ciò, così come il codazzo sghignazzante dei giornalisti al seguito [1]. Il meme di +Europa oggetto di questo post è solo un episodio,… Continua a leggere →

Sardine

Le cose non condivisibili che le sardine dicono, come «la violenza verbale va equiparata a quella fisica», sono bestialità (magari non siete in grado di capire il perché, ma fidatevi, lo sono). Anzi: «pretendiamo che» (giusto nell’ottica di abbassare i… Continua a leggere →

La banana di Cattelan

In questo specifico caso trovo poco interessante la performance (sì, dopo anni di carriera si è guadagnato la, yawn, possibilità di attaccare la, zzz, banana al muro, bravo). Sinceramente molte di queste cose mi sembrano microvariazioni prevedibili di provocazioni più… Continua a leggere →

Come vincere 209 milioni al SuperEnalotto e vivere felici

Non so quale ricerca (c’è sempre una ricerca su qualsiasi cosa) dice che ‘sti megavincitori manco realizzano di aver vinto che subito si mettono di buzzo buono a bruciare soldi col lanciafiamme preso da Amazon e dopo due anni sono… Continua a leggere →

Non uscite nelle ore più calde, bevete tanto, mangiate molta frutta ed evitate di fissare a lungo foto di Aldo Moro tutto imbacuccato sulla spiaggia

La DC in qualche modo era la “destra” dell’epoca, visto che da quella parte più all’estremo c’era solo il MSI fisso a percentuali basse. E foto come quella che è stata condivisissima sui social nei giorni scorsi (per contrapporla all’immagine… Continua a leggere →

Scalfarotto, Gozi e tafferugli nel piddì

Io me li vedo quelli del PD che si riuniscono in gran segreto. «Maledizione, stiamo crescendo nei sondaggi mentre il M5S cala e il governo appare sempre più diviso, la tattica di Zingaretti di fingersi morto incredibilmente sta funzionando. Così… Continua a leggere →

Candy Candy Forza Napoli, il social media manager dell’INPS, Luttazzi e altre refrigeranti avventure

Commento a questo status Facebook. Oltre alle trite dinamiche da social (reazioni al caso del giorno, controreazioni di segno opposto per farsi notare, controcontroreazioni e via sbadigliando), che ovviamente influiscono, conta il fatto che rossobruni, criptogrillini, intellettuali dolenti che sanno… Continua a leggere →

Il caso StanKanelli e le sempre più orripilanti dinamiche dei social (aka Di shitstorming, grete, simoni e piccoli ramy)

Riassumo brevemente la storia a beneficio dei tre che siano stati impegnati su Plutone negli ultimi giorni e non abbiano potuto studiare. La sinistra (riparta da) ha di recente eletto a suo nuovo idolo il regazzino di Torre Qualcosa che… Continua a leggere →

Sulla stupidità dei populisti. E su quella degli “antipopulisti”. (Aka: Innumeracy e l’elettore medio, messo decisamente peggio di come Silvio se lo rappresentava, versione 2,04 rimasticata)

Il 2,4 passato a 2,04, pronuncia da talk show per entrambi: «dueequattro», come per una sorta di magico charm pricing da ipermercato, tanto quelli che ci votano sono così gonzi da non accorgersi della differenza – nei fatti enorme, sostanziale… Continua a leggere →

L’otto dicembre, l’opprimente conformismo del web e altre molto poco incredibili storie

Con la presunta dipartita della televisione (che tutti dicevano di aver smesso di guardare ma che poi, uscita dalla porta, è tornata zitta zitta dalla finestra, vedi le twittercronache su X Factor, Chi l’ha visto? e qualsiasi cosa) uno si… Continua a leggere →

Politici che fanno le dirette su Facebook

(Commento abbandonato in un gruppo tra i più segreti). «Perché non capiscono che se non hai detto niente dopo un minuto e mezzo non hai detto niente?». Credo che l’idea fosse quella di fare i simpa e gli amiconi alla… Continua a leggere →

La cena zompata di Calenda

(Collage di commenti lasciati sui social). Trovo che Calenda col flop della cena si sia forse semidefinitivamente bruciato: già cambiava idea ogni due per tre (entro nel PD per cambiarlo, no, mi sono offeso, vado via, no, rientro, però se… Continua a leggere →

Il M5S è la nuova sinistra?

Per cercare di tenere il polso della situazione, resisto, con grandissima fatica, immerso in diverse bolle, con connotazioni opposte (le mezze stagioni, si sa, non esistono più). In quelle “di destra”, ormai informate allo Zeitgeist salviniano, mi devo sorbire sedicenti… Continua a leggere →

Mattarella, Savona, ecc. (versione 2.0, post-Apocalisse)

Nell’immagine, il nuovo (forse, diciamo che si sta perfezionando dalle parti di Palazzo Chigi) “premier” in aperto e irrefrenabile sfoggio pauperistico-massmediatico di onestà-ah pizzaiuola alla Dibba-Dima. Articolo scritto prima dei recenti, clamorosi, sviluppi e rielaborato qua e là. Ovviamente ritengo… Continua a leggere →

Sull’attentato di Macerata (Renzi inside)

Pippone scritto in risposta alle solite menate degli indignati del web, non mi va di sbattermi per riadattarlo al contesto del blog e lo copincollo così com’è (i commenti altrui che lo precedevano sono facilmente ricostruibili con un po’ di… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑