Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Page 2 of 46

E allora il PD?

I recenti sondaggi mostrano una nuova crescita del M5S, diventato primo partito anche grazie alla scissione e alle baruffe nel PD. Si potrà dire che ormai i sondaggi hanno perso qualsiasi affidabilità e non vadano nemmeno guardati (ci sono dei… Continue Reading →

Jack London – Il tallone di ferro

L’unico motivo per il quale sto scrivendo questa cosa al buio di domenica sera mentre gli antifurti di tutto il viale ululano appassionatamente in coro è l’attuale, apparentemente definitiva, mancanza di corrente elettrica, che mi spinge a cercare primitive forme… Continue Reading →

Hitler e la pallamano

Il termine “pallamano” pronunciato sull’italico suolo suscita badilate di inevitabile stupore misto a sguaiata ilarità. Pochi hanno minimamente presenti le dinamiche di tale disciplina (altrove la situazione è ben differente, si pensi alle recenti uscite del modernizzatore Van Basten), non… Continue Reading →

Trumans Water – Spasm Smash XXXOXOX Ox & Ass

I Trumans Water sono tra i pochi gruppi ad aver creato solo casino disorganizzato in grado di godere delle mie morigerate simpatie, sarà perché ero giovane e ci andavo a correre al Parco degli Acquedotti, quindi sembrava bello tutto, ricordo… Continue Reading →

Nana (anime)

Il mondo dei manga è semplice, un autore (o un’autrice) comincia una storia, abilità nel disegno pari a quella di un bambino dell’asilo cieco, senza mani, senza talento, la storia ha un successo strepitoso, i fan scalpitano sotto casa perché… Continue Reading →

Pranzo alle otto

Il cast è ai massimi livelli possibili e immaginabili e fu un grande successo nel suo descrivere la depressione economica alla quale segue quasi inevitabilmente, come tutti ben sappiamo, quella umana, con le storie parallele che pian piano convergono in… Continue Reading →

Get Star

Get Star/Guardian è un arcade a scorrimento tendente al picchiaduro molto diretto e senza fronzoli, fatico perfino a trovarne un video in giro, quindi è probabile che paghi il suo essere orgogliosamente grezzo e di modeste pretese. La sua nascita… Continue Reading →

The Walking Dead (terza, quarta e quinta stagione)

The Walking Dead sembra una serie condannata alla continua e affannosa ricerca del cambiamento, per contrastare la sua natura altrimenti statica di invariabile carneficina e di troppo smaccata metaforona (gli zombie siamo noi, ecc.). I personaggi vengono maciullati e sacrificati… Continue Reading →

King’s X – Faith Hope Love

Tutti i critici e gli intenditori sostengono che i King’s X avrebbero meritato molto di più in carriera, ma guardiamo in faccia la realtà, se proponi un balzano mix tra Neri per caso (basta co’ ‘sti Beatles), hard rock/metal, prog,… Continue Reading →

Niccolò Ammaniti – Fango

Ammaniti è uno che mi fa venire in mente Fabio Volo, vabbè, non esageriamo, o Zerocalcare (che quando usciva Fango aveva tredici anni, ma forse era già un nostalgico degli Eighties che sicuramente aveva vissuto con grande intensità). O quello… Continue Reading →

Cosenza

Cosenza per me ha sempre significato cose semplici – la stazione degli autobus, un panzerotto fritto, un passaggio intermedio per andare a Catanzaro a fare il rinvio militare, amicizie nate e finite nel giro di poche ore scambiando musicassette miste… Continue Reading →

Tiny Toon Adventures: ACME All-Stars

Looney Toons e discendenti, alla maniera credo di molti miei coetanei connazionali, li ho vissuti come “Ah, vabbè, oltre ai miei amati e meravigliosi paperi Disney nel mondo ci sono anche questi altri cartoni con gli animali buffi, conigli, uccelli, maiali,… Continue Reading →

Strage di Berlino, Anis Amri e dintorni

Un paio di commenti lasciati in giro. Il primo riguarda quest’articolo (vabbè, è Il Giornale, con tutto ciò che ne consegue e che è superfluo sottolineare, sta giusto un gradino sopra al suo quasi omonimo Il Giomale, dispensatore di fake… Continue Reading →

Quindi, alla fine, dopo tante discussioni

Quale delle seguenti opzioni rispecchia il tuo pensiero sul caso della ministra Fedeli? 1) Il suo titolo è chiaramente equiparabile ad almeno una laurea quinquennale vecchio ordinamento con master a Oxford, PhD all’Allahabad University e dottorato di ricerca in Scienze… Continue Reading →

« Older posts Newer posts »

© 2017 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑