Quelli che erano al corrente dell’esistenza del termine “daesh” (lo 0,01%). E quelli che “daesh, daesh, daesh”, “zomg, non si dice Isis, devi dire daesh!”, “vieni all’aperimerenda vegana?” “non posso, devo andare all’aperidaesh aziendale” (cioè tutti gli altri).

Di Pasolini sapete tutto, Girard avete strariletto qualsiasi saggio, il prossimo che schiatta ovviamente pure… ma chi cazzo ci crede, dai.

Pensa se uno muore e al posto d’iddio o del nulla c’è un’enorme fetta biscottata e non si capisce cosa si deve fare dopo.

La nuova moda son i negozi “Il tuo edicolante”, “Il tuo kebabbaro di fiducia”, ecc. Ao’ ma si può sapere chi ve la dà tutta ‘sta confidenza?

Vabbè, ma Mentana co’ tutti gli anni che è nel giro perché non s’è comprato una casa? Le mie origini calabresi sono sinceramente costernate.

Sto via da internet due giorni e al rientro tutto quello che vedo è Gianni Morandi. Non so se Gianni Morandi sia colpevole o innocente, ma l’aspetto che mi ha sempre impressionato è tutto il suo gran sbattersi su internet apparentemente teso alla precisa costruzione di un personaggio quando alla fine non ne avrebbe bisogno, dato che è già ricco e famoso, e che io sappia non sta neanche promuovendo dischi o spettacoli. Alla fine mi sono fatto l’idea che principalmente sia uno che è sbarcato tardi sul web perdendosi tutta l’era Splinder, e cose così. Secondo me se Gianni Morandi ci fosse stato ai tempi delle battaglie senza esclusioni di colpi per scalare la classifica di blogbabel a sw4n e catepol li avrebbe fatti neri.

Ogni volta che metto un OS nuovo e faccio la conta dei giochi sopravvissuti la certezza è sempre e solo una: gli scacchi che uso dal 386.

Le prime band di Toto Cutugno si chiamavano Ghigo e i Goghi e Toto e i Tati. Dove vuole andare un Paese così?

Ci ho un contatto che viene su Facebook solo per laicare o commentare la pagina “La stessa foto di Toto Cutugno ogni giorno“, giuro.

Il rugby magari ha le sue fasi un po’ noiose, ma se dovessi spiegare a un plutoniano perché apprezzo particolarmente lo sport (un po’ più che stirare o fare l’uncinetto, diciamo) probabilmente per prima cosa sceglierei un filmato nel quale una statua nera di du’ metri per centoventi chili, dopo essersi con destrezza intrufolata in un varco spaziotemporale misteriosamente spalancatosi, corre allegramente per vari decametri su un prato verde travolgendo chiunque e ridicolizzando i tentativi altrui di acciuffarla. Ciao Jonah, insegna agli angioli il cazzo che vuoi, tanto gli angioli non esistono.

Sono in lagrime. Ma porca di quella puttana… Oggi, al suo posto, non poteva schiattare, chessò, Moira Orfei? Ah, no, wait.

No, beh, è inaccettabile. Ma si può iniziare la giornata con una notizia così? Se avete contribuito poderosamente a elevare il genere umano dall’irrilevanza almeno morite di pomeriggio.