“La stampa ne parla”, invece del solito piagnisteo “nessuno lo dice”, “i media vogliono oscurarmi”, ecc. Finalmente un mitomane come si deve.

Ogni volta che leggo qualcosa di Saverio Tommasi poi sono costretto istantaneamente a cavarmi gli occhi, ad amputarmi le mani, a darmi fuoco alle unghie dei piedi, ad aprirmi senza anestesia la scatola cranica per prelevare i lobi temporali e conservarli in salamoia, a farmi le mèches ai peli pubici, ad acciuffare un bambino orfano a caso per la via e a insegnargli mentre frigna l’arte di esplodere sacchetti di patatine nei paraggi di ottuagenari angiopatici che attraversano la strada, a disiscrivermi dai terroristi per poter poi iscrivermici di nuovo subito dopo, però siccome dà kontro a Salvini allora è ok.

Qualcuno spieghi a Sabatini che, pure riuscisse per miracolo a trovare Messi ventenne sputato uguale e a sottrarlo, dopo una lunga ed estenuante contrattazione, alla criminalità organizzata in cambio di una banconota da ottanta euro e di tre chili di Goleador, o Puskàs redivivo misteriosamente incarnatosi in un diciannovenne uruguagio ricoperto di tatuaggi fin sui peli del culo, Garcia in cuor suo gli preferirà comunque di gran lunga l’oscuro e un po’ legnoso, ma ben più affidabile, jolly tuttofare del Lille campione di Francia che si è ritirato due anni fa, pertanto non lo farà mai giocare.

“Abbiamo un premier non elet”RIMUOVI DAGLI AMICI. Ah no, è @demagistris che ha trovato la laurea in Giurisprudenza nelle patatine.

Avete ragione, è davvero meravigliosa in effetti questa cosa che millemila tizi che non si conoscevano si siano riuniti in un’area verde a suonare brani degli Incognito. È sublime il fatto che la musica sia un linguaggio così universale in grado di annullare per qualche minuto i conflitti e le differenze e di unire le pers… Come dite, erano i Foo Fighters? Ah, beh, allora frega cazzi a mazzi.

L’altro giorno una mi telefona e fa: “Buong…”. “No, grazie, non intendo passare a Vodafone”. “Ma io non chiamare da parte di Vodafone…”. “No, molto gentile, ma non intendo nemmeno passare a Tim. Anche perché già ci sto, con Tim”. “Ma cosa fare pensare che io chiamare da parte di operatore di telefonia?”. “Sapessi…”. “Io chiamare da parte di famosa azienda Salcazzi che produce surgelat…”. “La ringrazio molto, ma non consumo surgelati dal 1989”. “Lei non mangiare neanche gelato? Se lei acconsentire a visita nostro promotore noi regalare speciale vaschetta di gelat…” “No, grazie”. Secondo voi ho fatto bene a rifiutare? Magari mi sarei trovato in casa degli energumeni che mi avrebbero stordito per poi rubarmi un rene e rapire tutti e tre i gatti. Oppure nel gelato c’era la ddjoga (no, aspe’, in questo caso mi sarebbe convenuto accettare).

Le parole più belle non sono “ti amo” ma “la Fiorentina/il Napoli/il Baracca Lugo/l’Amiternina/l’FC Salcazzo/qualsiasi squadra non sia l’AS Roma ha preso Astori”.