Padania Lega Matteo SalviniIn politica a vent’anni
per vestire i verdi panni,
non è molto ecologista,
né irlandese, sol leghista;
di un partito edificato
contro chi al nord non è nato
o comunque è più sfigato:
che pensiero assai profondo
sì moderno e aperto al mondo…
Altro che l’ideologia
ammuffita di mia zia.

Ma difende gli operai,
mica come i parolai
comunisti, buoni a nulla
(Bossi ozia dalla culla,
la tangente ha pur pigliato
ed è stato condannato:
non sarà magari onesto,
ma sfuggire sa all’arresto).

È DJ a Radio Padania
e di far carriera smania;
consigliere comunale,
col suo fare assai “informale
si conquista bei consensi;
sono anni molto intensi
tra Pontida con l’ampolla,
il ruttare sulla folla
nei comizi, sempre più,
e lo stesso fa in tivvù…
dopo un po’ rende stanchini
attaccare i clandestini
e richiede enormi doti,
sacrifici, e porta voti.

In provincia è segretario,
ama assai Borghezio Mario
per i modi molto urbani,
comprensivi e tanto umani
con sudisti ed immigrati,
che vorrebbe separati;
cosa molto generosa,
come ai tempi di Parks, Rosa,
in vagoni differenti;
tifa pei respingimenti
immediati, fatti a vista;
e i coretti da teppista…
c’è chi insinua sia razzista:
ma no, è solo un igienista;
e lo metton capolista,
questo genio, questo artista.

I migliori van premiati
e cooptati deputati;
lui porello si dimette,
quelle cose non le ha dette
oppur era alcolizzato
ed è stato travisato;
ma sì, un bel fotomontaggio
comunista, un depistaggio;
un alieno sarà stato,
e comunque era privato,
questa stampa sì guardona…
Stretta sta Roma ladrona
ad un simile talento:
meglio l’Europarlamento.