L’aspetto antropologicamente più affascinante di tutta la raffica di archiviazioni/assoluzioni di questi mesi/anni – Cota, Marino, Bertolaso, Mori, Penati, Mafia (lol) Capitale e tutte le altre finite, forse, in un trafiletto a pagina 15 del Fatto… sono quintalate, Google is your friend, per quelli perennemente cascati dal pero – è che i commenti del disagiato medio dell’internet, invece di essere del tipo “Vabbè, magari la prossima volta andiamoci più cauti con torce e forconi appena arriva un avviso di garanzia o scoppia uno scandalo le cui dimensioni potrebbero essere, chissà perché, leggermente pompate dai media” sono del genere “Aaaaaaaah, uaaaaaaaah, skantalo, mal3dett1, anke kuesta volta sn riusciti ha farla franka!!11!”.

Elena Ferrante è sul serio la moglie di Starnone? Le Iene vs Eleonora Brigliadori: chi è più scemo? Selvaggia Lucarelli si scaglia contro il Grande Fratello Vip. Cornetti alla nutella in faccia a Cicciogamer89, giusto tirarglieli? Prossimo tema del dibattito generale? La gestione del catetere vescicale di Luciano Rispoli? Enrico Papi e le suolette contro la puzza dei piedi? È davvero Clemente Mastella l’amante segreto di Scarlett Johansson?

M’è arrivata un’email da Myspace, il dibattito sul referendum costituzionale impazza tutt’intorno, oggi Maccarone e Totti in campo… Oh, ma ‘sto 2006 non finisce più?

Belpietro lancia un giornale chiamato “La Verità”. È come se io scendessi in strada con un megafono per dire peste e corna dei carboidrati.

forlimpopoli-odia

Secondo me i tempi sono maturi per un romanzo distopico di successo alla 1984 ambientato nell’accattivante mondo dei rifiuti.

“Signora, confessi, dove ha gettato il tetrapak del latte che le abbiamo visto comprare l’altro giorno al bar?”.
“Nel bidone della carta, perché, non va ben…”.
“ZOT!”.
“Aaaaaah!”.