Se i supereroi della chiesa, tipo Padre Pio, o lo Spirito Santo, si scontrassero con quelli della Marvel, o con Goldrake e Mazinga, rimedierebbero tante di quelle mazzate…

Cose utilissime della vita vol. 1: crackerZ non salati in superficie, film di Totò in 3D, scioperi della tv da parte di persone che su Facebook si bullano di non guardarla/possederla, contratti di licenza in ghedinese antico di ottocento pagine in cui ci si impegna a cedere le virtù di sorelle, nonne e scopamiche a qualche oscura software house uzbeka.

Se il Milan avesse preso anche un difensore, per il Nuovo Ulivo a quest’ora non ci sarebbe più speranza nemmeno al Senato.

[la quarta i] NO all’eliminazione di geografia, storia dell’arte, insegnanti di sostegno, precari, bidelli, alunni, banchi, sedie, classi e scuole dalle scuole. Sì all’inserimento dell’ora di Iutub.

Io quelli che mandano a memoria la trilogia di Guerre Stellari (stile Giosuè Carducci alle elementari), dormono abbracciati ai cofanetti rimasterizzati e ordinano online la bambola gonfiabile di Chewbecca continuo a non capirli.

Certo che l’esultanza di Tardelli nell’82 è stata un filino più contenuta di quella di Pipp’Inzaghi per il gol del 4-0 al Lecce.

Superati i sedici anni, mettersi a raccontare le proprie mirabolanti bevute per impressionare l’interlocutore è quasi più patetico che tentare di spacciarsi per grandi amatori narrando delle conquiste fatte sulla tangenziale.

Nel case del mio PC c’è più polvere che in un deposito di esplosivi, ci sono più ragnatele che sugli organi genitali della Binetti.

Se evitassimo di sprecare futilmente il nostro tempo appresso a cremine e trattamenti di bellezza ne avremmo molto di più a disposizione per leggere Chi e Novella 2000.