Al via la raccolta delle firme per i nuovi referendum stronzi di Pannella (se non schiatta). I quesiti. Referendum per vietare l’uso del nome Carponio per gli animali domestici, ma solo in alcune zone del Molise. Referendum per l’abolizione dei giornalisti, delle previsioni del tempo, delle bollette del gas e dei mal di pancia dopo le peperonate. Referendum per la sostituzione dell’ormai inutile Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali con il nuovo e più scintillante Ministero per le politiche forestali, agricole e alimentari. Referendum contro l’abuso dei referendum. Referendum per la privatizzazione delle Forze dell’Ordine, la statalizzazione della marijuana e l’erogazione di Brunello di Montalcino dell’83 al posto dell’acqua di rubinetto.

I moderni radiotelecronisti che scimmiottano quelli sudamericani e a ogni fallo laterale in attacco si mettono a strillare su tonalità proibite ai Cugini di Campagna, come se fossero stati retrobliterati a sangue da mandrie di Roccosiffredi in astinenza ventennale, meriterebbero di venire ogni volta *davvero* b-sideati senza pietà da mandrie di.

Sogno un seguito di Street Fighter per Wii con Sgarbi, Ricca, Borghezio, Naomi Campbell e Benedetto XVI.

Se defollowate chi bestemmia (anche nella vita), allora per coerenza dovreste fare la stessa cosa, ad esempio, con quelli che disprezzano apertamente Tom Waits, David Lynch o gli snack di mais al formaggio.

Ok, è antipatico e saputello, fa bondage passivo tutti i giorni con Berlusconi e Casini, e non direbbe qualcosa di sinistra nemmeno se qualcuno minacciasse di affondargli la barca e di attentare all’incolumità dei suoi baffi. Ma si scrive D’Alema, cazzo, non Dalema.

L’alieno di Roswell. I misteri di Atlantide. La faccia su Marte. I cerchi nel grano. L’estinzione dei dinosauri. La scomparsa di Emanuela Orlandi. Il buco nella sanità della Regione Puglia.

Tanti auguri a Silvio Berlusconi che oggi festeggia i suoi primi settantaquattro anni (quarantatré secondo la questura).