Si discute molto dell’organizzazione dei Giochi olimpici nella Capitale. C’è stato l’endorsement di Totti. Vista la considerevole distanza tra la Raggi e Giachetti, e le opposte posizioni dei due in merito, ci si chiede se questo potrà essere un argomento in grado di spostare significativamente voti. Chiaro che all’esponente del PD non basta tenere un profilo basso ed evitare di fare cazzate, per recuperare il gap, deve fare qualcosa. Deve rischiare. Personalmente gradirei molto avere i Giochi a Roma, mi piace lo sport e tutto. Poi, certo, dal punto di vista economico e razionale temo che non avrebbe senso (i motivi sono bene esposti qui). Magari Roma se ne gioverebbe pure, avremmo strade asfaltate e altro, ma visto che non esistono pasti gratis ho la strana sensazione che i soldi verrebbero presi da qualche altra parte, e questo non sarebbe molto saggio.

I romani non fanno che lamentarsi dei casini (manifestazioni, giubilei, gare di ciclismo, maratone, ecc.), e ripetono che è tutto un magna magna, i palazzinari, Malagò, Caltagggirone, ecc., ma sotto sotto non gli dispiace essere considerati l’epicentro della civiltà mondiale. O almeno illudersi di continuare a esserlo. Perché le Olimpiadi incidano in un contesto del genere comunque dovresti saperle vendere, insomma, dovresti essere Berlusconi (degli anni d’oro), o almeno il Renzi attuale (“sìììì, uaaaah, sbav, arf, lo vediiiii, sono ugualiiiiih!1”), e Giachetti, ahilui, è agli antipodi.

La parte finale del megaconfronto su Sky comunque è emblematica: la Raggi, dopo un discreto inizio, era visibilmente in bambola, ma gli avversari invece di approfittarne per metterla in difficoltà, chiedevano repliche e facevano affondi sugli indagati che il M5S ha tipo in qualche posto del Molise con cinquanta abitanti, dicendo cose come “non potete dare lezioni di moralità a nessuno”. Ma lol. Mi pare ovvio che chi è (semi)intenzionato a votarli reagisca pensando “vabbè, voi ve siete magnati ‘sto monno e quell’artro, Marchini è un palazzinaro amico di, e cercate di mettere il M5S, che sostanzialmente non ha quasi mai governato, sullo stesso piano?”. Insomma, il M5S è percepito come ancora vergine e attaccarlo forsennatamente su quel piano non ha molto senso. Dovrebbero invece cercare di evidenziare le contraddizioni enormi al suo interno, tipo le posizioni su immigrazione, diritti civili, ecc., visto che è un informe contenitore con dentro allegramente di tutto, estrema destra ed estrema sinistra (fazioni che come sappiamo di solito ci tengono molto alla loro identità ideologica). Loro, i grillini, giustamente, mettono solo in luce quello che li unisce, la lotta senza quartiere alla ka$ta e al nuovo mostro di fine livello Renzi(e), restando vaghi sul resto… Se le forze che a loro si oppongono non evidenziano ciò che li divide fortemente, e che rischia di essere causa di ingovernabilità, chi dovrebbe farlo? Babbo Natale?