Beppegrillo non vuole bene al pidì, ma si candida alla sua guida. Le sue priorità sono espropriare le tivù Abberlusconi e dare il Wi-Fi gratis alle masse.

Lo voterei con mille e un fake anche solo per il gusto di togliere Amici, Il Grande Fratello e savoiardi simili alle genti, spingendole al lemmingsaggio isterico compulsivo, Beppe Grillo
Beppe Grillo + vino de li castelli – Liwax
e per farmi un sacco di ghignate durante le varie campagne elettorali.

E per vedere sottoposto alla prova della dura realtà un programma che manco Pecoraroscanio sotto l’effetto del miglior peyote messicano. (Vabbè, per le nove settimane e mezzo che durerebbe il “governo”).

La trollata comunque è fantastica e sconvolge i palinsesti, oscurando per un attimo Papi e le sue imprese sessuali abusive. Tonino dice sìììì, machebbello (dentro pensa: “sticazzi, questo mi fotte un sacco di voti, aridateme il principale pupazzetto dell’opposizione a me avverso”).

I capoorsacchiotti del pidì sono più verdi fluorescenti del solito. Fassino in particolare è inguardabile ed emette bile verde-iùdem radioattiva a fontanelle. (Lo guardo bene e penso occazzo, ma come ha pensato anche solo per un istante la pseudosinistra di vincere esponendo al pubblico ludibrio la faccia di Fassino, o di Occhetto).

Inevitabile riunione dei membri (in tutti i sensi) più grossi del pidì in un ristorante esageratissimo nel cuore di Roma per decidere il da farsi. Il verdetto è presto raggiunto all’unanimità: come, burp, tu permettere brutto screanzato di un Peppegrillo, tu non avere mai voluto bene al pidì, sciò, niet, pussa via.

Beppegrillo allora ordina ai suoi schiavi di scrivere un post torrenziale strappalacrime in cui urla che la casta non gli vuole più bene come una volta (ma tanto vi distruggeremo lo stesso, prima o poi, muahahahahahahah!).

Viene allestito un simpatico bannerino rotante per i blogguerZ da appiccicare nei cessi di tutti gli Autogrill del reame in cui sono vaffanculati tutti i possibili candidati leader del pidì-piccì-pidiesse-diesse presenti, passati e futuri. Tutti, tranne Adinolfi.

I lettori del blogghe spammano, inveiscono e sfanculeggiano a caps lock spianato per 99999999999999999 messaggi questi dirigenti incapaci e olderrimi che, incredibilmente, adesso si rifiutano perfino di 8O regalare partiti del 26% al primo scassapeni che non c’entra una minchiazza di passaggio. Contro questa casta malvagia e stronza che ora non si lascia nemmeno più trollare in santa pace a casa sua, ma guarda un po’, ma vaffancuore, ma dove andremo a finire, non c’è più religione, ma vaffan’ vaff, ecc. THE END.