birra
Photosynthetique — Cynic

Uno degli aspetti più evidenti della decadenza della civiltà occidentale (ma forse anche di quella orientale, cazzoneso) è dato da una certa ostentazione quasi maniacale di cinismo, sfoggiato a piene mani un po’ ovunque. Ma che in internet (date le note caratteristiche del mezzo che non elencherò) trova la sua culla ideale per crescere e riprodursi incontrollatamente. Il fenomeno nasce forse in contrapposizione a un certo pietismo di maniera, degenerazione del cristianesimo (e non solo… famo del cattocomunismo, via).

Ma sì, quel continuo preoccuparsi barocco e un po’ farlocco per tutto e per tutti — dai funghi delle unghie dei piedi che soffrono orribilmente oppressi sulle popolazioni della Tanzania ai girini orfani di Papasidero taglieggiati dalla criminalità — messo in atto per raggiungere l’alto dei cieli. E soprattutto per costruirsi la reputazione terrestre di “buoni” (uguale: superiorità morale), e quindi la stima della comunità. L’eccesso opposto, però, è anche più stucchevole, e forse pure un po’ dannoso (qualcuno che comunque si preoccupa per gli altri — nonostante il fare scomposto e qualche etto d’ipocrisia di troppo — magari può tornare utile alla società, sicuramente più di chi se ne sbatte sistematicamente per non spettinare il personaggio con tanta fatica edificato)(in b4: “Ma io faccio solo per scherzare e perculare un po’ chi se lo merita, poi in realtà aiuto le vecchiette ad attraversare la strada, mentre chi ostenta pietismo no blabla“; ok, ovvio e indubbio, percaritàdiddio, il cinismo poi nelle giuste dosi è gustoso e divertente, non a caso ha fatto le fortune di rinomate serie tivvù; ma secondo me sdoppiarsi è complicato, alla lunga è inevitabile finire per somigliare un po’ ai personaggi che si recitano per tanto tempo).

Non c’è occasione che il cinico internauta di maniera perda per esibire il suo monumentale e irridente disprezzo nei confronti di ideali, valori morali e convenienze sociali. Si parla di adolescenti depressi che si lasciano morire, amputandosi però talvolta pezzi di corpo per sfamare se stessi e i propri cani, costringendosi a guardare trasmissioni di Michele Cucuzza per amplificare meglio la sofferenza? Chisseneincula, sono solo dei poveri sfigati, dei deboli, dei coglioni, raus, quando avevo tredici anni io uccidevo cinghiali a mani nude in montagna, non avevo mica tempo per queste cose. Un operaio fa una cazzata provocando un disastro e morendo in modo spettacolosamente splatteroso? Ahah, che idiota, meglio così, selezione naturale, Darwin rules!1 Qualcuno in un social network o in un forum inaugura ingenuamente una discussione dicendo che Tiziocaio, al quale tiene tantissimo, è in condizioni disperate e chiedendo conforto? Vaffanculobruttostronzo, non conosco Tiziocaio quindi non me ne frega un cazzo, quindi tu sei una merdina umana perché hai iniziato questa stupida discussione togliendo spazio al mio interessantissimo thread sulla vittoria di Luxuria all’Isola dei famosi [achtung: il cinico in pantofole è sprezzante sì nei confronti delle miserie umane, ma ha anche la caratteristica di contraddirsi disinvoltamente], e sei pure off topic, non permetterti mai più. Una bomba da un fottio di megatoni è caduta su una scuola palestinese disintegrando decine di regazzini, immagini di corpi orribilmente straziati e arti penzolanti dappertutto? Colpa loro che hanno votato i terroristi. Ma i bambini non votano… Chisenefotte, tanto i bambini di oggi saranno gli stronzi di domani [giustissima osservazione che peraltro condivido, ma…], e ora torno a giocare a Final Fantasy ché ho lasciato un mago di 99esimo livello a macrare tutto solo.

E così via. La cosa buffa è che tutta questa studiata e metodica ostentazione a tratti anche un po’ kitsch di muscoli, superiorità e indifferenza ovviamente nasce dal desiderio di affermare in pubblico la propria personalità, e crearsi fama da duri, negativi, maledetti, ecc. Ma personalità è anche e soprattutto unicità. E cinici da un tanto al chilo ne circolano ormai tantini… Ovviamente c’è chi riesce sapientemente a distinguersi e a intrattenere senza annoiare. Ma per la maggior parte di costoro il rischio alla fine è quello di non apparire tanto differenti dal truzzo in fissa con le mutande firmate o dalla ragazzine che sbavano per i Backstreet Boys del momento.