La “politica di moltiplicazione delle stronzate” (come l’ha battezzata Belgrado Petrini) del PD e dei suoi sciagurati dirigenti prosegue a ritmo incessante e il rischio, andando avanti così, è che queste vadano presto esaurite. E allora è necessario il soccorso degli utenti più assidui della TV veltroniana…

Non contento di aver praticamente consegnato mani e piedi il Paese per almeno un paio di lustri a uno schieramento che era alle “comiche finali“, regalando il palcoscenico all’opposizione pane e forcone di walter veltroniDi Pietro, Walter l’Africano (mancato, purtroppo) ha deciso come saprete di dar vita alla televisione del PD, col malcelato intento di contrastare un giorno (molto lontano) lo strapotere mediatico del principale piduista dello schieramento a lui avverso. Ovviamente le critiche blogosferiche non si sono fatte attendere, e ogni aspetto di quest’operazione dalla (per ora) dubbia utilità è stato ampiamente bersagliato, spernacchiato e vivisezionato. Compreso il color verde pisello (si parla di ortaggi made in Černobyl, eh) che sembra permeare i dirigenti del partito e, in generale, l’intera iniziativa.

TEODEMIANAMENTE PORNOGRAFICA – Gironzolando per la versione binettiana del celebre social network YouPorn è possibile purtroppo imbattersi in filmini altrettanto osceni, se non di più, democraticamente realizzati e inviati dai seguaci del Walterone. A spiccare per manifesta imbecillità oscurantista ce n’è uno in particolare, postato dall’attivissimo utente MarcoCC per conto del MGOF, un sedicente Movimento Giovanile delle Forze dell’Ordine. Una volta premuto incautamente il tasto play si è accolti da “toccanti” immagini infarcite di poesia, tipo fragili rose innocenti trafitte da malvagie siringone, oppure pacchiane sfilate popolate perlopiù da sorridenti carabinieri baffuti e risalenti al ’74 (almeno a giudicare dalla data dimenticata in bella mostra su una foto); ma soprattutto da istantanee di ggiovani allo sbando, disperati, affranti, abbandonati esanimi su fatiscenti scaloni, alternate sapientemente a prominenti “cannoni” e slogan apocalittici. Il tutto naturalmente condito da straziante sottofondo musicale dal sapore vagamente postmasiniano.

CIENTOPECCIENTO!!1! – Il “100% dei ragazzi che fanno uso di droghe pesanti sono passati dagli spinelli“, ci ammonisce severamente il video. Sarà anche vero, ma è un po’ come dire: “il 100% di coloro che hanno accoltellato qualcuno sono passati dai coltelli da cucina“. O dai biberon, o dai negozi di abbigliamento, o dalle scuole dell’obbligo; o bevevano un bicchiere di vino a pranzo, ogni tanto (e poi magari costoro sono diventati alcolisti… ehi, ho un’idea geniale! perché non vietiamo la vendita di Tavernello?). E scommetto che molti di loro (tutti?) hanno anche guardato almeno per pochi minuti Studio Aperto, ripetutamente. E giocato a GTA, e subito dopo stuprato pitbull e arrotato vecchiette. Insomma, detto da non fumatore, far di tutta l’erba un fascio, ostinarsi — con questi toni, per giunta — a far finta che non esista distinzione alcuna tra droghe leggere e pesanti è semplicemente ridicolo, allarmistico e indisponente (dubito che la scritta “inconsciamente si è assassini” , seguita dalla prima pagina di Repubblica con su la notizia della strage di Capaci, convincerà qualcuno di essere responsabile dell’assassinio di Falcone); olterché inutile e controproducente per la causa della lotta alla ddjoga.Ogni spinello equivale a un proiettile regalato alla malavita“. Benissimo, e, assodato che il proibizionismo storicamente non funziona granché bene, la soluzione a tutto questo quale sarebbe? Convincere i ggiovani d’oggi a diventare meno trasgressivi perfino di frichettoni bolscevichi del calibro di Bill Clinton, Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini, spedendoli all’occorrenza a rimpinzare carceri già intasatissime, al posto dei vari Carretta, Maso, Tanzi, Previti, Geronzi, Cragnotti, tutti allegramente in libertà (o quasi)? Oppure combatterla, la malavita, anziché conviverci sniffando indisturbati in Parlamento? E seguire l’olandese (ma anche svizzera) politica di riduzione del danno che, unita a un’efficace prevenzione (seria però, non caricaturale come quella del video), è riuscita — nel Paese che ha dato i natali a gente del calibro di Van Gogh, Van Basten e Bobbi Eden — a stabilizzare il consumo al livello del 1980? (Un successo rispetto a quanto avvenuto altrove: 2,4 morti per droga ogni milione di abitanti, il dato più basso nell’intera Comunità europea). Tutto ciò ricorda, in maniera piuttosto inquietante, i vecchi slogan impressi sui famigerati opuscoli morattiani (era Sirchia, 2003), che annoveravano perle di apertura mentale e di ottimismo del calibro di “di chi ti puoi fidare ai tempi dell’AIDS?” o “ai drogati puzzano i piedi“.

PERCHÉ I GAY NON CI RINGRAZIANO? DOPOTUTTO NON LI MANGANELLIAMO NEMMENO… – Il giovanile movimento è dotato anche di un forum tutto suo nel quale tra l’altro non mancano coloriti apprezzamenti nei confronti degli omosessuali, com’è possibile notare dalla breve discussione settembrina nata da un episodio di cronaca (due ventottenni presi a sassate a Roma perché “checche). Si va dalla magnanima posizione del moderatore ROS: “anche se sinceramente mi viene il voltastomaco solo a pensare ai gay , le mani andrebbero alzate solo sui veri criminali” — subito approvata dall’amministratore AndreaGis, dotato di fascisteggiante avatar — a un meno diplomatico Marine Shepard. Il quale, da utente comune, può ben lasciarsi andare a un: “FROCI DI MERDA io sono razzista solo contro i gay fanculo i gay devono bruciare tutti GLI DAREI LA MANO A QUELLI CHE GLI HANNO FATTO DEL MALE“. Naturalmente il tutto ancora in bella mostra, dopo un mese, senza che sia intervenuto nessun altro amminionore e disciplinastratore o moderatore, quantomeno per stigmatizzare queste uscite e prendere le distanze. E nonostante il regolamento “per convivere meglio” del forum reciti, rassicurante: “Noi non facciamo discriminazioni di nessun tipo, e nessun utente del forum deve offendere o discriminare qualcun’altro“. E meno male…

INSOMMA, VA BENE IL PLURALISMO… – Ma viene da chiedersi: che ci fa gente simile su YouDem, a informare così male, con video tanto ottusi e infantili? Una svista, lassismo, o la politica sarà quella di ospitare tutto e tutti, tanto per far massa, come in un clonazzo di YouTube qualunque? Anche legittimo e giusto, per carità, ma se già all’apertura dei cancelli sono lì, se provano naturalmente ed entusiasticamente attrazione per il progetto, tanto da inserire video su video, magari un motivo ci sarà… Non so, io nel dubbio un po’ mi preoccuperei. Comprensibile l’incazzatura di Bustegoal, nei commenti al “capolavoro“: “Uno lavora nel proprio territorio, prova a far avvicinare le persone al PD e poi arrivano video come questi e cancellano tutto il lavoro… Perché ci facciamo del male? Eroina, cocaina, canne: tutto uguale, vero? ALMENO UN ALTRO SCRIVETELO SENZA APOSTROFO! CANCELLATE QUESTA IMMONDIZIA!“. “Meglio se non ti becco io dopo lavoro“, sbotta il presunto carabiniere e autore del video, Marco, dopo aver incassato un po’ di critiche. Ok, l’invito di fano0007 magari non era proprio simpaticissimo (“meglio che vai a suicidarti“). Ma si tratta comunque di frasi (minacce velate?) che non vorremmo mai veder digitate da un rappresentante delle Forze dell’Ordine. Giornalettismo.