Berlusconi vendi il Milan“! Oltre 9.000 firme raccolte per chiedere all’attuale dirigenza di farsi da parte. Un mercato finora tutto in salita e le dichiarazioni spesso risibili di Galliani hanno portato la popolarità sportiva dell’attuale Presidente del Consiglio ai minimi storici.

Studente universitario tra i diciotto e i venticinque anni, decisamente maschio e altrettanto decisamente ben spalmato lungo lo Stivale. Questo il ritratto del firmatario medio dell’appello per pensionare (solo calcisticamente, purtroppo) Silvio Berlusconi. Inizialmente hanno pensato di subissare di lettere (incluse quelle minatorie) la casella postale del Milan, invocando una campagna acquisti meno “stile Dottoressa Tirone” di quella dell’Atalanta o del Frosinone.

Piersilvio“SILVIO CACCIA LA GRANA!” – Dopodiché, i tifosi rossoneri – disperati per la probabile rinuncia a pesci grossi come Adebayor (45 milioni non sono bruscolini, ha sentenziato Galliani) – non hanno trovato nulla di meglio da fare che dar vita alla solita, folkloristica petizione via internet. Oltre 9.000 finora le firme raccolte. Non male come risultato, se si considera che in mezzo agli inevitabili fake (tra i quali spicca un sedicente e vendicativo Romano Prodi) si percepisce un reale, forte malcontento, amplificato dai forum di discussione di tutt’Italia. OK, il testo dei petanti potrà far sorridere, e a tratti sembrare partorito dal figlio più analfabeta della casalinga di Voghera caduto di testa dal seggiolone in tenera età e rimbalzato su un set completo di tegami mastrotiani. Fanno quasi pensare a uno scherzo passaggi deliranti quali: “Non possono essere i milanisti a pagare per risollevare le sorti dell’Italia e degli Italiani […] tutto questo dovrebbe metterci i brividi, dovrebbe farci riflettere tutti”. Ma si sa, la visione del mondo e le priorità del tifoso più esagitato a volte possono risultare abbastanza incomprensibili per chiunque risieda al di fuori del sua non capientissima scatola cranica.

“A POSTO COSÍ”Acquisti fallimentari quali Emerson e Oliveira (investimento comunque meno disastroso di quello che si sente spesso dire in giro). Oggetti camminanti non identificati come Borriello (prima completamente rossonero, poi ceduto in comproprietà al Genoa e riscattato al modico prezzo di sette milioni più metà Di Gennaro, con tanto di faraonico ingaggio: stiamo parlando di un attaccante inguardabile al di fuori delle discoteche che, pur gironzolando per la serie A da anni, è riuscito ad azzeccare parzialmente solo una stagione;Borriello Belen insomma, uno che ha già ampiamente dimostrato di non saper rendersi utile entrando a partita in corso, senza una squadra che si faccia il mazzo per lui). Buchi, anzi, voragini ormai storiche come quelle in attacco o in porta (ma dare una chance a Storari, no?), che la dirigenza si ostina a non ripianare mediante l’uso del portafogli. O anche solo del buonsenso. Ex campioni più larghi che lunghi come Panzonaldo e Seedorf (che però può ancora dare tanto… soprattutto alle mogli dei colleghi) o bollite incognite come Zambrotta spacciate come salvatori dei reparti d’appartenenza. Altri elementi buoni ormai solo la partitissima di beneficenza contro l’Atletico Catetere ma ancora in organico, o comunque congedati largamente fuori tempo massimo. Un giocatore simbolo come Shevalasciato andare via (evento inedito per la gestione Berlusconi), la qualificazione alla Champions League che è tornata clamorosamente a sfuggire dopo l’inatteso trionfo della precedente edizione. Sembra lontanissimo il periodo del Milan in grado non solo di vincere, ma anche e soprattutto di convincere, e quello degli scambi d’oro con i cugini nerazzurri (Seedorf per Coco, Pirlo per Guly, roba da far interdire i dirigenti milanisti per circonvenzione d’incapace).

UN SILVIO PIÙ UMANO, PIÙ VERO? – In tutto ciò, risulta difficile credere alla favola di un Berlusconi finalmente ometto maturo e responsabile che mette a dieta il suo giocattolo preferito per il bene del Paese. Più realistica appare la tesi del veto (per motivi politici e finanziari) dei figli Piersilvio e Marina sugli investimenti nel Milan (ma in prospettiva si confida nella passione calcistica del ventenne Luigi, attualmente però troppo impegnato con la Bocconi). O forse esiste la reale convinzione nell’ambiente rossonero che dopotutto possa davvero bastare solo una buona punta per tornare a essere competitivi. Un fisco opprimente e la mancanza di stadi di proprietà sono buone scuse, certo. Ma allora ci si chiede come abbiano fatto Palermo e Fiorentina a portarsi a casa due tra i giovani più promettenti della Liga (Jankovic e Melo, “il nuovo Liverani“).GallianiSe si pensa poi che molte tra le colonne della gestione Berlusconi sono arrivate dal vivaio (Baresi, Maldini, Costacurta) o praticamente al costo di un pacchetto di noccioline (Kakà, Pirlo, Seedorf, Gattuso) le colpe della società, ferma al solo Flamini, sono ancora più evidenti. Altro dato che fa riflettere è quello relativo agli abbonamenti per la stagione in corso: nel 2007 già a fine giugno volavano letteralmente (oltre 21mila tessere in fase di prelazione e altre 5mila abbondanti staccate il primo giorno). Quest’anno invece, a luglio inoltrato, l’andamento della campagna è ancora avvolto dal mistero (il flop è dato per scontato). Inoltre, per procurarsi un abbonamento (e pare anche solo un biglietto) ora è indispensabile recarsi a uno sportello Banca Intesa o San Paolo per ottenere una carta di credito prepagata chiamata Cuore Rossonero. Ovviamente a pagamento e per la felicità degli sponsor. E tra i disagi dei clienti (a giudicare dai racconti dei tifosi, sembra che molti sportellisti siano impreparati a questa mirabolante novità). Giornalettismo.