Sono sempre dalla parte dei calciatori: se vogliono andarsene è giusto che il club li lasci andare. Il mercato è una forma di schiavismo“. Queste le famigerate dichiarazioni scorreggiate dal Presidente della FIFA Blatter (e approvate da Cristiano Ronaldo) che stanno incendiando da giorni i forum dei Diavoli Rossi.

La telenovela è nota: Cristiano Ronaldo (attualmente convalescente dall’operazione effettuata con successo dal prof van Dijk, lo stesso in grado di resuscitare le caviglie di Inzaghi, van Nistelrooy, van Persie e Ballack) vuole lasciare il Manchester United. Il fuoriclasse portoghese però (piccolo particolare) è sotto contratto fino al 2012 con il club che gli ha dato fama, topa e ricchezza in quantità industriali. cristiano ronaldoTutto ciò per andare ad affollare la schiera di figurine a disposizione di Bernd Schuster, tecnico attualmente alla guida della squadra più blasonata e sbruffona della galassia, cioè il Real Madrid. La dirigenza dei Diavoli Rossi non l’ha presa esattamente benissimo, e non si può darle neanche torto, visto che in teoria il comportamento degli spagnoli non sarebbe proprio corretto. Ma si sa come vanno le cose nell’aulente e incorruttibile mondo del calcio. Probabilmente Kunta Kinte si rivolterebbe nella tomba a sentire un calciatore viziato blaterare di schiavismo. Non risulta infatti che il protagonista di Radici venisse pagato 120mila sterline a settimana, arrivando a dichiarare nel 2007 qualcosa come 13,5 milioni di euro (dato dell’americana Forbes), o avesse una villa da cinque milioni, o una fiammante Mercedes e nemmeno una Nereida a portata di mano… anche se sembra che ora non ce l’abbia più nemmeno Cristiano Ronaldo: magari tornerà tra le muscolose braccia del suo prossimo compagno di squadra, Sergio Ramos? Se poi il neurone costretto a girovagare solingo senza sosta nella testa pelata di Blatter si fermasse un attimo a riflettere su chi cuce o ha cucito fino all’altro giorno i palloni allegramente utilizzati anche dalla FIFA…

TIFOSI IMBUFALITI – Tra i pochi esponenti del mondo pallonaro a condannare fermamente le deliranti dichiarazioni del fantastico duo c’è stato uno stranamente lucido Pelé, illuminato probabilmente dalle sue umili origini brasiliane: “Sei uno schiavo se lavori senza contratto o se non vieni pagato“. La tifoseria del Manchester, invece, inizialmente era divisa tra i detrattori di RonaldoCristiano e chi ancora si ostinava a difenderlo, dando come al solito la colpa ai giornalisti e alle loro stupide illazioni fondate sul nulla. Ora la situazione è cambiata, anche i fan più sfegatati hanno aperto gli occhi e il gradimento del giocatore è sceso a picco nei sondaggi. E nei numerosi, affolatissimi forum e gruppi di discussione dedicati al Manchester United, dove l’ironia e il sarcasmo abbondano. “Ronaldo chi?!? Ah, quel tizio, yeah… Perché, è ancora vivo?”, si chiede un moderatore dopo aver richiamato un utente reo di aver scelto come nick “Ronaldo è solo un tuffatore frocio“. “Ma dai, non credo sia gay, è solo un dannato tuffatore che si guadagna un fottio di calci di punizione e rigori ingannando gli arbitri… anche se c’è da dire che incassa pure un sacco di botte e non è tutelato come dovrebbe. Comunque non sarò mai un suo fan”, risponde un altro tifoso di passaggio. “Ha cominciato questa storia dicendo ‘tutti sanno cosa voglio’… cioè, questa fighetta non riesce nemmeno a tirare fuori le palle per dire chiaramente quello che vuole!”, gli fa eco tale Arbucks.

ALLO UNITED ANCHE L’ANNO PROSSIMO? – Graham Sharpe, per conto del noto sito di scommesse online William Hill (che dà la sua permanenza all’Old Trafford 8 a 13), è convinto che alla fine Ronaldo comincerà a giocare anche la prossima Premier League. L’allibratore piuttosto si chiede se il fuoriclasse disputerà l’intera stagione con la maglia della squadra campione d’Europa in carica. I tifosi, a dir la verità, ne farebbero volentieri a meno fin da subito. “Venga a giocare al Pizzighettone!”, ruggisce un italiano.Ronaldo pupazzetto “Che lo vendano pure… Non solo non è degno di indossare la maglia dello United, ma nemmeno di baciarmi il culo!”, sostiene forbitamente CAS MUFC. “Non lo voglio più vedere. Il modo in cui si è comportato costituisce un’offesa per noi e per tutti i giocatori del Manchester presenti e passati, in special modo per un galantuomo come Alex Ferguson (ole99). “Vendete quella puttana. Anzi, sapete cosa vi dico? Se Ronaldo fosse un giocattolo, lo romperei prima di scambiarlo con qualche amico” (iali001). Salford: “È disgustoso. Non mi meraviglia il fatto che una testa così grossa contenga così tante cazzate. Spero che la sua carriera al Real sarà disastrosa. In più di quarant’anni da tifoso dello United non ho mai visto un calciatore venire disprezzato in questo modo da coloro che prima lo adoravano”. Ci va giù ancora più duro Redforcerising: “Non riesco a ricordare un giocatore dei Diavoli Rossi così sleale dai tempi di… uhm, fammi pensare… di Giuda Heinze (difensore argentino passato dal Manchester al Real con una trattativa lampo, nda). Anzi, sapete che vi dico? Spero che proprio Heinze gli spezzi una gamba in allenamento, così, per giustizia karmika”.

ATMOSFERA INFUOCATA DA DERBY EUROPEO – Manutd004: “È da un pezzo che vado predicando l’inutilità di quell’egoista, irriconoscente marmocchio arraffa-soldi!”. “Non mi piace nemmeno come giocatore: genio in abbondanza, per carità, ma poca voglia di sudare” (RedAdam). Più articolata l’analisi di Bubsymalone: “Ok, guardiamo i lati positivi di questo trasferimento: 1) il morale della squadra s’innalzerà a dismisura 2) Rooney renderà al massimo non essendo più costretto a sacrificarsi a fare la seconda punta per pompare l’ego di quel bamboccio Manchester United3) un sacco di soldi freschi in cassa da utilizzare per rinforzare la squadra o saldare i debiti 4) più opportunità sui calci piazzati, che vengono battuti quasi sempre da quell’arrogante con percentuali realizzative molto basse, mentre ora potranno tirarli anche Hargreaves e altri 5) giovani come Anderson e Nani avranno in squadra modelli migliori da imitare, come Scholes e Giggs”. Forse un po’ ingeneroso, considerando che l’anno scorso il bel Cristiano ha realizzato la bellezza di quarantadue reti. “Non desidero egomaniaci nella mia squadra del cuore. Noi siamo il Manchester United, non il Real!” (waza89). E ancora: “Non fa nulla che Ronaldo se ne vada. Solo, ci vorranno probabilmente almeno due giocatori per colmare il vuoto che si lascerà alle spalle. Una buona ala destra e un attaccante spietato in area di rigore. Sì, due giocatori così e verremo ad aprirti il culo, Madrid!“. Interessante notare come il fatto che il più forte giocatore del mondo venga conteso da due fra i maggiori club europei sembri (anche grazie a internet) accorciare le distanze fisiche tra le grandi città del nostro continente, con tanto di sfottò e rivalità che si accendono inaspettatamente, quasi si trattasse di un derby: che comincino a essere maturi i tempi per un nuovo G14? Giornalettismo.