Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Tag

2010

Singularity (dissertazione sui lati oscuri e le palle dei cavalli di Red Dead Redemption 2 inside)

Ci sono nel mondo sicuramente un sacco di titoli messi assai peggio di Singularity. Nell’ambiente dei videogame, poi, copiare è sempre stato uno sport praticato a livelli quasi olimpionici da tantissimi, quindi tutta l’indignazione a tal proposito che si vide… Continua a leggere →

The Walking Dead (terza, quarta e quinta stagione)

The Walking Dead sembra una serie condannata alla continua e affannosa ricerca del cambiamento, per contrastare la sua natura altrimenti statica di invariabile carneficina e di troppo smaccata metaforona (gli zombie siamo noi, ecc.). I personaggi vengono maciullati e sacrificati… Continua a leggere →

The Walking Dead (prima e seconda stagione)

“Sono alla nona puntata di The Walking Dead e già mi stanno tutti sul cazzo, per la settima stagione (se ci arrivo, ne dubito) prevedo starò lì con sciarpa, striscioni e trombetta stile Curva Sud a fare il tifo sfegatato… Continua a leggere →

A-Team (il film del 2010)

A-Team fa parte di quel nutrito drappello di telefilm che non mi sono mai minimamente cacato in gioventù, e che tuttavia erano così popolari e di culto da non poter essere ignorati totalmente. Almeno il trionfante motivetto, il faccione bisteccoso… Continua a leggere →

Gem Miner (Android)

Gem Miner

Il mondo dei videogiochi ha sempre nutrito una strana e improbabile ossessione per i minatori e, in generale, per le batcaverne sotterranee farcite di tesori incustoditi. Atavici esempi di questo sedicente filone sono titoli come Manic Miner, Miner 2049’er, China Miner, Boulder Dash, The Pit, Dig Dug, Anteater, Oil’s Well, Spelunker, Bagman, Diggers, ecc. (E relativi, eventuali, immancabili seguiti e clonazzi). Gem Miner è il parto di Psym Mobile, casa costruttrice di successi internazionali quali Abduction

© 2019 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑