Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Tag

franz kafka

Una mattina, al risveglio da sogni inquieti, uno scarrafone si ritrovò trasformato in Gregor Samsa

“Oibò, e ora? Che cosa ci faccio qui?”, esclamò tra sé e sé l’esapode, nella misura in cui i limitati mezzi glielo permettevano. Ma non ebbe molto tempo per riflettere dato che il padre, un pensionato perennemente incazzato col mondo… Continua a leggere →

Bloggate di meno, è il buco nell’ozono che ve lo chiede, in ginocchio

Matite

Rubare un pennello, rubarne due. Un grande pennello e un pennello grande ancor di più, per cambiare definitivamente aspetto alle pareti del globo. Ma soprattutto per ridipingere la gente. Non sono molte in realtà le possibilità che si presentano. Armati. Con un pennello. Periodo giallo. Periodo blu. Periodo esistenzialista-iperrealista a pois. E poi? Esiste un problema piuttosto ciccione di sopravvalutazione di quello che si può fare a partire dalle proprie finite possibilità. I neuroni in

© 2018 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑