Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui

Tag

silvio berlusconi

Riflessioni postprandiali su scenari postpostelettorali in rapida evoluzione, vuoti di offerta politica, ivezanicchi

Il frame che Di Maio sta evidentemente tentando di imporre è “Il prossimo voto sarà un ballottaggio tra la Lega e i Cinque Stelle” (concetto ribadito per esempio l’altro giorno da Vespa), lasciando intendere che il PD, e con esso… Continue Reading →

Più gusto, più benessere, più qualità, più piacere, più frizzantezza

Decrescita felice. Ovvero: “Prevedo che, zappando zappando, prima o poi mi darò l’arnese sui piedi. Quindi provvedo a farlo subito intenzionalmente, simulando giuoia, così non ci penso più”. Nel dream team di governo, grazie alla preziosa spinta del M5S, pare… Continue Reading →

Le elezioni, anzi, il Paese più WTF della storia

Il primo movimento che metterà al centro del suo impegno politico le ricariche dei cellulari gratis sbancherà semidefinitivamente, lasciando un solco nella storia. I peggio sono quelli che smettono di perculare Grillo & C. perché hanno vinto, quindi la biowashball… Continue Reading →

(D'Eusanio + De Filippi – d'Urso) x Mario Merola = Sant'oro

Abilità speciale “perdere tutte le aste eBay interessanti”: ce l’ho. :] Jovanotti ha donato dieci quintali di crocchette. Questo probabilmente non fa di lui un grande cantante, e forse nemmeno un grande uomo, ma lo rende senz’altro ai miei occhi un grande donatore di crocchette. La “Lista Grande Sud + Mastella” dei sondaggi del Sole sembra la risposta campanosicula ai Queen + Paul Rodgers. Al posto del beagle avrei fatto lo stesso. Però aggiungendo spezie ed erbe aromatiche. Monti domani su Twitter:

Ciao

“Ciao, con questo breve messaggio ti vogliamo rendere partecipe delle novità in casa Tophost”. “Grazie, ma devo prima finire di parlare al citofono coi testimoni di Geova e convincere la rumena del call center Fastweb che Fastweb ce l’ho già e non c’è bisogno che mi chiami tre volte al giorno, quindi andare a judo. Poi, ti giuro, lo leggerò con estremo interesse. Quasi paragonabile a quello che di solito riservo alle email sul Cialis”. Sono per un rassemblement universale che riunisca finalmente sotto

Mi ri-ri-ri-ri-ri-ri-ri-ricandido (forse) all'impervio ruolo di blogger (no, aspe', ci ho ripensato)

Luigi vs Caldaia 4 a 3, fine del primo tempo. Capisco il cordoglio generale e la profusione di status per Michael Jackson, Arnold, Lucio Dalla, Amy Winehouse, Whitney Houston, Germano Mosconi, il cane della regina Elisabetta. Ma di Schicchi si può sapere checazzo ve ne frega a voi? Montezemolo su Rai 3 a farsi bello con Telethon. Non si può andare a votare tipo oggi pomeriggio? Giocone. Due di queste tre frasi provengono dalla stessa notizia, indovina quali: 1) Paura all’aeroporto: apre il portellone, sale su un’ala e si

Antipolitica

Grillo (dal 2005): “Vaffanculo, tutti ladri, infami, merde, imbecilli, venduti, vaffanculo, teste di cazzo, vi cago in gola, vaffanculo, vaffanculo”. Beh, in effetti “antipolitica!” non è granché come reazione. Per favore, non chiamiamola più antipolitica. È profondamente sbagliato e inelegante offendere l’avversario in questo modo, cercare di squalificarlo, il M5S affronta temi concreti, parla di argomenti che nessuno ha avuto il coraggio di trattare (in effetti non è facile mettersi a magnificare la

Addio e grazie per questi magnifici diciassette anni

Silvio Berlusconi piange

Lo spread è riuscito dove opposizione, magistratura, AnnoZero, Repubblica, Famiglia Cristiana, Gianfranco Fini, social network, tumore alla prostata e blogger hanno fallito. Amato dato tra i probabili ministri. Corro a ritirare gli otto euri rimasti sul conto, prima che sia troppo tardi. Adoro il mondo delle pubblicità. T’ingozzi di cioccolata e dubbie merendine e invece di diventare un ciccione brufolosissimo schifato da tutti ti trasformi in un campione di surf, marcia, o qualche altro sport, snello e

Quando c'era Bertolaso i nubifragi arrivavano in orario

I ristoranti sono pieni. I ristoranti sono vuoti. Io i ristoranti li vedo mezzo pieni. E io mezzo vuoti, tiè. I nubifragi, al contrario dei terremoti, non si possono prevedere. Macché, ma se il maltempo era annunciato da giorni. E allora Alemanno. Bastava fare manutenzione. Ma se è caduta in un giorno la pioggia di un mese. Tutte le volte viene giù la pioggia di un mese. La colpa è del surriscaldamento del globo. Il surriscaldamento del globo è un’invenzione della sinistra, la colpa è del surriscaldamento dei cervelli. No

Pipol

Le persone che per sopravvivere devono continuamente simulare nuovi, grandi odi, grandi slanci, grandi ferite, grandi passioni, grandi crisi isteriche, grandi ovetti kinder, grandi orgasmi io le inseguirei con un grande randello nodoso. Se le zanzare potessero fare politica entrerebbero nei Radicali. Mi colpisce l’ingenuità, mista a faccia da culo e a quel tocco di ottimismo lusitano che non guasta mai, di chi ancora, in piena grisi inteplanetaria, con le certezze della fisica in discussione e lo

Non sono morti, dai

Andare da Scilipoti per chiedergli se conosce Standard & Poor’s è come recarsi dal macellaio e domandargli il rimedio vincente contro la cellulite o come catturare lo sporco in mezzo alle dita dei piedi per porgli spinosi quesiti sulla fenomenologia dello spirito. La Grecia rischia di fare la fine dell’Italia. Le agenzie di rating si sciolgono, Google+ cambia allenatore, i R.E.M. rinnovano il news feed, Facebook si apre al pubblico, l’Inter declassa il debito, Silvio tromba. Se Minzolini avesse

È così dispiaciuto che il suo pene gronda sperma

Pazzesco, Vivigas dev’essersi accorta che casa mia non è una succursale segreta di Auschwitz inspiegabilmente sopravvissuta al crollo del nazismo ma un normale appartamento abitato da una sola persona. Che speranze per il futuro può avere un Paese in cui le nuove generazioni crescono ascoltando i Modà? Amico SEO blabla consultant direttore prestigioso ufficio stampa Salcazzi amante del bricolage che promuovi incontri spirituali nel centro di meditazione cristiana, ascolti Biagioantonacci

Io rubo perché ne ho bisogno

Bossi Napolitano

Cerchie e cricche non mi affascinano, in quanto modelli di organizzazione sociale rassicuranti ma primitivi. Mi interessa la discussione aperta da taverna/forum, il brivido del flame con lo sconosciuto, l’imprevisto. Le menate sulla privacy e la selezione chirurgica degli eletti a leggere le mie cazzate mi dicono poco. Perché Massa corre in Formula Uno e Andrea Bocelli no? All’impianto sportivo dove vado a correre è pieno di bipedi convinti che bastino tre quattro giri di campo fatti mano nella mano con l’amico/a del cuore a

Non esistono uomini che hanno paura di dire «ti amo», esistono quelli terrorizzati dall’idea di non poter gustarsi in santa pace il posticipo della Serie A

Seggiolini vuoti

[storiella nonsense] Il babbo manda Pier Gino a comprare un chilo di mele dall’ortolano sotto casa. Lui va, controlla che la merce sia buona, paga e torna. Il babbo, mentre fa sesso sulla lavatrice in funzione con George Clooney, un canguro cieco e una confezione di spadoni medievali in offerta speciale rubati alla Lidl, gli chiede: “Pier Gino, allora, hai comprato le mele?” “Ma certo, babbo”. Invece aveva comprato le pere. Ma ora il bestemmione catartico e infarcito di

Compagno Fini, pensare di cambiare il Pdl è da pazzi

Gianfranco Fini

Mi pare evidente che, per quanto se ne dica, le posizioni di Gianfry sull’universo siano ormai nel complesso irreversibilmente più vicine a quelle delle forze che si oppongono al Popolo delle Libertà. E che quindi vederlo balzare sull’altro carro, sfruttando il largo consenso trasversale del quale (secondo sondaggioni vari) gode, operando la milionesima trasformazione e dimenticandosi dei giudizi lusinghieri espressi ancora ieri nei confronti di Bossi, Berlusconi, Tremonti e soci per apparire un po’ meno

© 2018 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑