Categoria Web e dintorni

L’otto dicembre, l’opprimente conformismo del web e altre molto poco incredibili storie

Con la presunta dipartita della televisione (che tutti dicevano di aver smesso di guardare ma che poi, uscita dalla porta, è tornata zitta zitta dalla finestra, vedi le twittercronache su X Factor, Chi l’ha visto? e qualsiasi cosa) uno si… Continua a leggere →

L’economia (scaruffiana) del dono. Ovvero del come i robot che ci hanno rubato il lavoro se lo vedranno a loro volta ciulato da YouTube e Instagram

Nel corso di una discussione sui social qualcuno ha segnalato questa pagina di Scaruffi additandola a lettura più o meno definitiva del mondo del lavoro e dell’economia nella confusa realtà attuale. Mi è sembrato uno spunto sufficientemente interessante da provare… Continua a leggere →

Ho perso la verginità su Twitter, per errore

brownhills miner

Chiudere il blog. Aprire il blog. Cambiare trecentoventisette template. Spammare selvaggiamente negli altri blog per aumentare la popolarità. Partecipare a un aggregatore di notizie. Passare i pomeriggi a studiarsi il funzionamento dell’algoritmo. Truccare l’aggregatore. Allearsi con altri utenti per flammare con chi riesce a stuprare l’algoritmo in maniera più efficiente. Partecipare a un concorso per blog. Perderlo malamente. Attaccare i giurati accusandoli di aver favorito il blogger incapace che sta troppo sul cazzo. Trollare

Trovo demenziale lo sciopero dei blog prescritto da Gilioli

Blogger

Primo, chi vuoi che ti si inculi a metà lujo. Secondo, si tratta di un argomento non banale, i limiti che OVVIAMENTE incontra la libertà di fare e sparlare su internet, e come tale va affrontato, non evitato. Richiede dibattito, presa di coscienza, blablabla. Quindi semmai digitatene a più non posso. Prendete questo ennesimo ddl idiota e mettetene in evidenza le infelici scelte lessicali (generici e imprecisati “siti informatici” obbligati a rettificare). Chiedete che vengano illuminati gli aspetti più oscuri e insidiosi, quali

Nessuna notizia

Gatto feroce

Ore 10, 11 minuti primi e 12 secondini, sono atterrato or ora sul molleggiante pianeta comunemente soprannominato Terra e mi guardo intorno con l’ausilio di otto teste, trentacinque alluci, undici trombe d’Eustachio, mezza lombata di bue e sedici etti di bulbi oculari ben rosolati con aggiunta di spezie ed erbe lucane appena raccolte, grazie. La popolazione indigena qui è strana, e, diciamocelo, anche un po’ puttana. Urla, si contorce e si lamenta in continuazione per i motivi più disparati, ma in particolare per

YouDem: in onda anche disinformazione, trash e ottusità. Con un pizzico di fassismo

walter-veltroni

La “politica di moltiplicazione delle stronzate” (come l’ha battezzata Belgrado Petrini) del PD e dei suoi sciagurati dirigenti prosegue a ritmo incessante e il rischio, andando avanti così, è che queste vadano presto esaurite. E allora è necessario il soccorso degli utenti più assidui della TV veltroniana… Non contento di aver praticamente consegnato mani e piedi il Paese per almeno un paio di lustri a uno schieramento che era alle “comiche finali” , regalando il palcoscenico all’opposizione pane e forcone di

Mafia e censura: il web insorge per Carlo Ruta, lo storico ridotto al silenzio

censura

I giornalisti, e oggi forse anche alcuni blogger “d’eccezione“, sono considerati i cani di guardia della democrazia. Ma abbaiare contro gli aspetti meno profumati del sistema si fa sempre più difficile, anche per decisioni assurde come quella del giudice Di Marco. La blogosfera, se non altro, non sta a guardare. Il partito pirata proprio non riesce (giustamente) a darsi pace. Il noto e apprezzato sito di inchieste e documentazione storica e sociale Accade in Sicilia è stato brutalmente e inspiegabilmente assassinato da una sentenza

Travaglio, un giornalista necessario in un Paese di lecchini. Quando fa il giornalista.

Marco Travaglio vignetta

La polemica fra D’Avanzo e Travaglio dopo l’uscita di quest’ultimo su Schifani ricomincia. Marco tira fuori le ricevute del pagamento della vacanza che gli sarebbe stata offerta da un mafioso e stende il collega. Oppure no. Anche perché non era questo il punto. Ma non ditelo ai commentatori-fanboy di Voglio Scendere. Riassunto delle precedenti puntate. Giusto qualche mese fa, Travaglio, ospite sui divani di Fazio, oltre a dare della muffa e del lombrico a Schifani, insinua (sostanzialmente) anche la sua contiguità a Cosa Nostra, buttando

Vampiri (WiMax, Gentiloni, Grillo inside)

“Considerato come il fratello maggiore del Wi-Fi, già integrato in molti PC, il WiMax è una tecnologia senza fili ad alta velocità per le lunghe distanze che lavora sulla frequenza a 3.5 GHz [riservata a lungo a quei mattacchioni della… Continua a leggere →

La chat

Mi ha sempre colpito nella sua brutalità. Si va subito al dunque. Hai foto? Da dv dgt? Come 6 fatta? Sublime. L’animale si libera da ogni costrizione, getta via con spensieratezza qualsivoglia rivestimento esterno approntato in secoli di storia, di… Continua a leggere →

© 2022 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑