Tag morte

L’ipotesi che Diego Armando Maradona non sia più in vita comincia amaramente a farsi strada dentro me

«Maradona avrebbe potuto fare, vincere e dimostrare molto di più ma la droga e lo stile di vita sregolato l’hanno rovinato». Sta venendo dato troppo rilievo invece a questa considerazione (basata anche peraltro su quella sua famosa intervista). Avrebbe potuto… Continua a leggere →

Non c’è niente di male a gioire per la morte di qualcuno

In astratto, dico. (Ma un po’ anche in concreto). Chi pensa il contrario probabilmente ha una concezione sacrale della vita umana: ci amiamo, ci odiamo, ci siamo indifferenti in base alle nostre convinzioni, alle azioni che compiamo nel corso della… Continua a leggere →

Tutto questo gran parlare di Taricone mi fa bollire lo scroto

Paracadutismo

Benché non ne sia un grosso appassionato (ho seguito solo distrattamente le vicende del primo dei grandi fratelli erogati), considero i reality sciò degli interessanti esperimenti socioantropologici falliti. Dei mammiferi dalla personalità sfaccettata quanto una tavoletta del WC impregnata di merda avariata di scimpanzé vengono rinchiusi nella stessa casa/isola/fattoria, oziosamente ripresi da dozzine di telecamere mentre copulano, bestemmiano e si espongono al pubblico ludibrio, spiati da ogni

Una morte sulla quale

frullatore

Da quando il web ha sostituito il resto dell’”informazione” per noi pochi intimi che (in parte) riusciamo ancora a distinguerlo da un frullatore, ormai tutto si consuma rapidamente, fin troppo. Du’ righe sulla salma appena sfornata, si coccodrillizza con frasi a effetto di circostanza e subito via, verso nuove, incredibbili emergenze informative. Eluana è già risorta?, Mastella pure e l’ottantacinquenne Mugabe compra incessantemente nuove ville nelle quali bilionarsi con i faraoni dell’Aldiquà. E invece no, su una salma ho deciso

© 2021 Opinioni psichedeliche, sentenze ineducate e altri stoltiloqui — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑